Truffa Postepay: Come Difendersi, Metodi di Furto e Consigli

Truffa Postepay

La carta Postepay è una delle carte prepagate più diffuse in Italia.

Tuttavia ci sono state parecchie truffe e occorre far attenzione a come la si utilizza.

In questo articolo vi spiegheremo come identificare una truffa e come comportarsi di conseguenza per evitare di essere truffati.

Truffe via call center

 

Una delle truffe più comuni  è quella dei finti call center. 

Il truffatore si fingerà un operatore delle Poste che vuole effettuare un aggiornamento gratuito della vostra carta Postepay e durante la chiamata vi sarà richiesto il vostro PIN e le vostre credenziali di accesso Postepay, ma fate attenzione, non dovete assolutamente dargli nessuna di queste informazioni! 

Si tratta di un’operazione di phishing, ovvero una pratica illegale ed è un tentativo di truffa.

Infatti, uno dei Campanelli d’allarme principale sta nel fatto che vi richiedono un Pin mentre gli adetti delle Poste non ve lo chiederanno mai.

 

Truffe via sms

 

Un altro dei metodi gettonati dai truffatori per poter accedere alla vostra Postepay è l’utilizzo di messaggi SMS direttamente sul vostro numero di cellulare.

truffatore

Il processo è semplice:  Riceverete un SMS dicendovi che la vostra carta Postepay sarà bloccata per alcune ragioni di sicurezza e, per evitare questo blocco, dovrete cliccare su un sito per poter  svolgere un’operazione di sblocco. Tuttavia, questa è una truffa, dato che vi richiederanno tutta una serie di dati personali che voi però non dovrete assolutamente dargli.

Si tratta sempre di un’operazione illegale di phishing con l’intento da parte dei truffatori di accedere ai vostri dati più sensibili.

Truffe per email

 

I truffatori si spingono anche sulle piattaforme digitali, quindi fate attenzione alle email farlocche. 

Un maniera simile alle truffe via SMS,  riceverete delle email che vi diranno che la vostra carta Postepay è stata o verrà bloccata per tutta una serie di ragioni di sicurezza. 

Alcuni degli utenti hanno detto che l’email che hanno ricevuto dicevano espressamente che la carta è stata bloccata e cliccando nel link sottostante avrebbero potuto sbloccarla semplicemente fornendo alcuni dati sensibili. 

Tuttavia, è molto importante non cascare nel tranello e, come negli altri casi, non dovrete assolutamente dargli questi dati sensibili  dato che potrebbero impossessarsi della vostra carta e utilizzarla per fare le loro truffe. 

 

Ricarica on-line con pagamento anticipato

 

Una truffa leggermente diversa è quella di richiedervi un pagamento in anticipo per un bene o un servizio.

Ad esempio, se state comprando un oggetto da un venditore in un mercatino on-line e lui ti promette di consegnarti e spedirti l’oggetto  subito dopo aver ricevuto la vostra ricarica Postepay, dovete stare allerta. 

Infatti capita spesso che dopo aver effettuato questa ricarica non essendo quest’ultima un pagamento che può essere utilizzato come una prova o che può essere considerato un pagamento tracciabile,  il venditore può sparire nel nulla.

Quindi evitate di effettuare operazioni di questo genere per evitare di essere truffati.

vittima truffa

Cosa fare se siete vittime di una truffa?

 

Se siete state vittime di una truffa, la prima cosa da fare è di chiedere il rimborso a Poste Italiane.

Dovrete presentare la lista con l’elenco dei movimenti sospetti che potranno essere considerati per poter verificare la truffa in questione e, successivamente, presentare una copia di questa denuncia ai Carabinieri o alla polizia postale insieme a una copia del documento di blocco della Postepay questione. 

Ricordiamo comunque che la prima cosa da fare è quella di bloccare la carta in modo da poter evitare che truffatore ne faccia ulteriore utilizzo.

Per poter bloccare la carta potete semplicemente chiamare il numero verde 803160 oppure andare direttamente a uno sportello delle Poste Italiane e fare domanda di blocco della carta.

Tenete a mente che sempre più truffe sono in circolazione in questi tempi, quindi occorre sempre fare attenzione e non condividere mai i dati sensibili della propria carta Postepay.

I siti di phishing

 

Come abbiamo già detto dovete fare attenzione ai siti di phishing, ovvero tutti quei siti che i truffatori vi manderanno con richieste esplicite d’inserire dati sensibili riguardanti la vostra carta Postepay o informazioni personali in generale.

Diversi di questi siti sono alquanto semplici da identificare per un occhio esperto, tuttavia,  alcuni di questi siti sono fatti molto bene e quindi è importante fare attenzione.

Ricordiamo che il servizio di Poste Italiane non richiede mai di fornire dati personali sensibili on-line, anche in caso di blocco della carta Postepay.

Nel caso in cui aveste dei dubbi al riguardo,  vi consigliamo di contattare direttamente l’ufficio postale per poter essere sicuri al 100% di non venire truffati.

 

Le migliori carte prepagate sul mercato italiano

 

Al momento ci sono davvero tante carte prepagate disponibili in Italia e la Postepay rimane una delle nostre preferite.

Tuttavia,  se siete interessati a informarvi di più sulle migliori carte prepagate con IBAN disponibili in Italia al momento, abbiamo scritto una recensione parlando dei pro e dei contro delle migliori carte prepagate che abbiamo provato.

Cliccate su questo link per poter accedere alla recensione completa. 

Leave a Reply